Articolo in evidenza

GUIDA BREVE AL GRATUITO PATROCINIO IV EDIZIONE – 2014

COME ACCEDERE ALLA DIFESA CON IL GRATUITO PATROCINIO?

SCARICA ORA IL MANUALE PER ESERCITARE IL TUO DIRITTO ALLA DIFESA

Scarica SUBITO GRATIS l’aggiornamento dell’E-BOOK di ART. 24:

“Guida per l’Accesso al Gratuito Patrocinio – IV° edizione – 2014″

  • Gratuito Patrocinio

    Gratuito Patrocinio

    Hai trovato oggi questo blog e vuoi saperne velocemente di più in poco tempo?

  • Una persona cara ha bisogno di organizzare la propria difesa processuale e vuoi esserle utile?
  • Ti serve scoprire come funziona la difesa processuale a spese dello Stato, ma non sai come fare?
  • Necessiti di un avvocato con il gratuito patrocinio, ma non sai da che parte iniziare?
  • Oppure, forse ci leggi da più tempo, e magari hai già scaricato la prima edizione della Guida Breve, ma ora vuoi ritrovare una sintesi di ciò che abbiamo spiegato in oltre 3 anni di articoli e guide dedicati al Patrocinio a spese dello Stato?

Articolo in evidenza

COME SCRIVERE LA DOMANDA DI AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO?

GRATUITO PATROCINIO: ISTRUZIONI PER L’USO

Gratuito patrocinio

Gratuito patrocinio

Spesso non si sa come attivare un servizio a cui si ha diritto e non si riesce a beneficiarne solo perchè non si trovano le istruzioni minime per evitare che la pubblica amministrazione risponda con incomprensibili divieti o rifiuti privi di ogni buon senso.

A volte può capitare anche con l’ammissione al gratuito patrocinio (o, con la dizione aggiornata, “Patrocinio a spese dello stato”).

Al fine di scongiurare giri a vuoto e riuscire nell’attivazione immediata dell’istituto, vediamo assieme come preparare la domanda di ammissione al gratuito patrocinio, a chi inviarla e come schivare errori che impedirebbero il pagamento delle spese di lite da parte dello stato.

Per facilitare la comprensione del percorso esaminiamo uno ad uno i punti salienti rispondendo alle domande più frequenti (FAQ).

INTERVENTO DEL GUARDASIGILLI SULLA STATO DELLA GIUSTIZIA E IL GRATUITO PATROCINIO?

DISCORSO SULLO STATO DELLA GIUSTIZIA 2014

Ministro Andrea Orlando

Ministro Andrea Orlando

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando ha pronunciato il suo primo discorso sul censimento delle condizioni della Giustizia in Italia dopo un anno di attività.

Di seguito riportiamo il testo in sintesi ed in versione integrale (nel quale è evidenziato in grassetto il passaggio che anticipa una direttiva comunitaria riguardo l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato per indagati e imputati privati della libertà personale, anche nei procedimenti di esecuzione del mandato di arresto europeo).

DAvid Del Santo

lunedì 19 gennaio 2015
Intervento del guardasigilli Andrea Orlando sull’amministrazione della giustizia nel 2014 Camera dei Deputati

Signor Presidente, onorevoli colleghi, per la prima volta ho l’onore di presentare in quest’Aula la relazione annuale sull’amministrazione della giustizia e le linee di intervento che ispirano l’azione del Ministero e del Governo.

INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO: L’OUA INSISTE PER LA TUTELA DELL’ACCESSO AL DIRITTO DI DIFESA

LA PRESIDENTE OUA INTERVIENE ALL’INAUGURAZIONE DELL’ANNO GIUDIZIARIO: LE RISORSE DELLA GIUSTIZIA SI INVESTANO NELLA GIUSTIZIA. NON SIAMO IL BANCOMAT DEGLI SPRECHI ALTRUI

OUA: Mirella Casiello

OUA

Nella cerimonia di inaugurazione dell’Anno Giudiziario presso la Corte di Appello di Lecce, è intervenuta il presidente dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura – O.U.A. -, Mirella Casiello. Nel corso del suo intervento, la massima esponente della rappresentanza politica forense ha posto sul tavolo diverse questioni (vedi sotto il testo integrale del Suo intervento) per rilanciare il processo riformatore, parlando anche di patrocinio a spese dello Stato.

MIRELLA CASIELLO, PRESIDENTE OUA: “Risorse adeguate e autogestite, riforma organica di civile e penale. Riduzione dei riti e semplificazione. Riorganizzazione degli uffici, best practices e processo telematico. Quindi potenziamento del ruolo sussidiario degli avvocati per ridurre il contenzioso e l’arretrato. Tra le priorità il rafforzamento del patrocinio a carico dello stato per un’efficace tutela dei ceti più deboli. Soprattutto in un Paese ancora sotto lo scacco di una lunga crisi economica

SENZA DIFESA NON ESISTE GIUSTIZIA

QUANDO VOGLIONO COLPIRE LA GIUSTIZIA, COMINCIANO CON TOGLIERTI IL DIRITTO DI DIFESA

NIENTE DIFESA NIENTE GIUSTIZIA

NIENTE DIFESA NIENTE GIUSTIZIA

Quando la questione giustizia diventa scomoda, parte il mantra: guru, opinionmaker e giornali raccontano ovunque che il passaggio cardine per renderla efficiente é limitare la difesa, ovvero parte l’attacco personale a chi rappresenta la Tua difesa.

Evvai. Gli avvocati sono troppi, sono litigiosi, hanno troppo potere, costano troppo anche se te li paghi tu, non vogliono far funzionare la giustizia, assistono i presunti criminali (non presunti innocenti) e quindi vanno associati eticamente ai loro clienti, hanno sempre qualche pecora nera che prova come siano loro la causa dei disservizi e così via fino al famoso “lo vuole l’Europa”.

IL PRESIDENTE OUA IN DIFESA DELL’ACCESSO ALLA GIUSTIZIA

GIÙ LE MANI DAL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO: L’ORGANISMO UNITARIO DELL’AVVOCATURA LANCIA UN ALLARME

OUA: Mirella Casiello

OUA

Nell’occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario l’OUA accendi i riflettori sull’accesso alla Giustizia in Italia e parla di carenza di attenzione e di risorse insufficienti per il patrocinio a spese dello Stato.

Dal palcoscenico dell’incontro più importante fra le istituzioni del mondo forense, la Presidente dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura, Mirella Casiello, toglie il velo ad un sistema giustizia che si sta allontando dalle esigenze dei cittadini invece che riuscire a dargli le risposte per cui è concepito. Servono impegno vero, risorse proporzionate alle necessità ed attenzione effettiva al rispetto dei principi costituzionali che ne hanno presieduto l’istituzione.

SINISTRI STRADALI E GRATUITO PATROCINIO

INCIDENTI STRADALI, COME MI TUTELO CON IL GRATUITO PATROCINIO?

GRATUITO PATROCINIO E DIFESA PENALE

GRATUITO PATROCINIO E DIFESA PENALE

“Lesioni o omicidio da sinistro stradale” sono due locuzioni che si sentono spesso quando si parla degli aspetti penalistici correlati ai sinistri della strada, ovvero agli incidenti: segnatamente si vengono a configurare i delitti di lesioni personali colpose (di cui all’articolo 590 codice penale) e di omicidio colposo (articolo 589 codice penale) correlati alla causazione di un incidente stradale ed alla correlata responsabilità.

Più precisamente, come vedremo nel video di PiaveTV, si tratta di due ipotesi conseguenti alla violazione delle norme sulla circolazione stradale.

Ne parliamo con gli avvocati Andrea Angeletti e Federica Bassetto nella rubrica TV “Dalla parte del Cittadino”.

I VIDEO INFORMATIVI DI ART. 24 COST.

LE VIDEOCLIP DI ART. 24 COST.

“L’associazione Art. 24 Cost. è la più conosciuta realtà italiana impegnata nella divulgazione della conoscemza del patrocinio a spese dello Stato. Consente la conoscenza dell’accesso al diritto di difesa per i non abbienti, aiuta le persone ad informarsi, li aiuta a ottenere i benefici a cui hanno diritto, e assicura loro il supporto necessario per cominciare ad organizzare la propria difesa fruendo delle istituzioni di legge. “-. David Del santo, presidente della Legal Aid Society

Per fare informazione si devono usare tutti gli strumenti ed i media possibili. Ecco una raccolta delle videoclip che hanno avuto più successo:

Art. 24 Cost. – Il Gratuito Patrocinio from Art. 24 Cost. on Vimeo.

GRATUITO PATROCINIO: IL MINISTERO DI GIUSTIZIA E’ CONTROPARTE NECESSARIA NEL CONTENZIOSO

NEL CONTENZIOSO DEL GRATUITO PATROCINIO SERVE IL CONTRADDITTORIO CON IL MINISTERO DI GIUSTIZIA

CASSAZIONE E GRATUITO PATROCINIO

CASSAZIONE E GRATUITO PATROCINIO

La Corte di cassazione precisa che, per la legittimazione passiva in materia di liquidazione di compensi e di ammissione al gratuito patrocinio, è parte necessaria il Ministero della Giustizia.

Deve essere quindi sempre integrato il contraddittorio con il Ministero.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 27414/14; depositata il 29 dicembre)

David Del santo

Art. 24 Cost.



 

SENTENZA

sul ricorso 19269-2011 proposto da:

  • NATALOTTO RITA NTLRTI61S66F251Q, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA F VALESIO 1, presso lo studio dell’avvocato EUGENIO PACE, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato WALTER MANGANO; ricorrente;

contro

PATROCINIO A SPESE DELLO STATO: DOCUMENTO PROGRAMMATICO AVVOCATURA MINISTERO

RIFORME MINIME PER IL GRATUITO PATROCINIO

OUA

OUA

Nel corso del 2014 ci sono stati dei colloqui fra Avvocatura e Ministero di giustizia che hanno permesso all’OUA (Organismo unitario dell’Avvocatura Italiana) di sottoporre al vaglio dei competenti Uffici Governativi le proposte interventi urgenti in risposta alle necessità attuali degli istituti della Difesa d’Ufficio e del patrocinio a spese dello Stato.

Il percorso è stato coronato con la condivisione con gli Uffici del Ministero dello studio elaborato dalla Commissione all’uopo dedicata presso l’OUA nel corso del biennio precedente.

Il 15 maggio 2014, nel corso di un tavolo organico Ministero Avvocatura, si è addivenuti ad una verifica congiunta dei suggerimenti proposti dalla seconda secondo le linee della commissione OUA rappresentata  dagli Avvocati Maria Grazia Bosco e Vincenzo Luly.

Ovvero:

GRATUITO PATROCINIO, LA CASA NON CONTA


GRATUITO PATROCINIO, LA CASA NON CONTA

AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO

AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO

È irrilevante se l’imputato non indica l’abitazione di proprietà: ammesso il proprietario di una casa che non aveva dichiarato la titolarità dell’immobile

La sentenza 42651/05 della quarta sezione penale della Cassazione con la quale, su conforme richiesta del Pg, che ha anch’egli concluso per l’accoglimento del ricorso, è stata annullata senza rinvio l’ordinanza 22 luglio 2003 della quinta sezione penale del tribunale di Napoli, che aveva revocato l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, a suo tempo deliberata in favore dell’imputata rigettando nel contempo la richiesta di liquidazione delle competenze professionali per il giudizio di primo grado, potrà forse non piacere ma sicuramente ha il pregio di essere veramente chiara, prestandosi ad una serie di considerazioni di varia natura.

LE SPESE LEGALI DI CONTROPARTE NON VENGONO PAGATE DAL GRATUITO PATROCINIO

LA CASSAZIONE PRECISA CHE IL GRATUITO PATROCINIO NON PAGA LE SPESE LEGALI DOVUTE ALL’AVVERSARIO IN CASO DI SOCCOMBENZA

Le spese legali avversarie e il Gratuito Patrocinio

Le spese legali avversarie e il Gratuito Patrocinio

Lo Stato deve pagare solo il difensore per cui vi è stata ammissione al gratuito patrocinio civile mentre, se la parte perde la causa anche con le spese legali, da rifondere a controparte, queste restano a carico del soggetto assistito con il beneficio statale che dovrà sostenerle in proprio.

In particolare, l’ammissione al gratuito patrocinio nel processo civile non comporta che siano a carico dello Stato le spese che l’assistito dal beneficio sia condannato a pagare all’altra parte risultata vittoriosa, perché “gli onorari e le spese” di cui all’art.131 d.P.R. cit. sono solo quelli dovuti al proprio avvocato , che lo Stato, sostituendosi alla stessa parte si impegna ad anticipare in sede di concessione provvisoria del gratuito patrocinio. Non vi è invece alcun obbligo in merito al sostenere le spese di soggetti terzi.

AMMISSIONE AL GRATUITO PATROCINIO PER VARIAZIONI NEGATIVE IN FRAZIONE DELL’ULTIMO ANNO

SI’ AL GRATUITO PATROCINIO PENALE QUANDO IL REDDITO CALA IN CORSO D’ANNO SOTTO IL TETTO REDDITUALE

Redditi in calo in corso d'anno e gratuito patrocinio

Redditi in calo in corso d’anno

La Cassazione Penale cambia orientamento.

Qualora si verifichino fattispecie in cui, nonostante il richiedente dimetta una dichiarazione dei redditi con importi maggiori del tetto reddituale per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato nel processo penale, la situazione economica del medesimo istante peggiori in una frazione dello stesso periodo di imposta, si potrà tenerne conto e ammettere comunque il soggetto al beneficio.

Lo consente un’interpretazione logica e sistematica della norma. La scelta di utilizzare il criterio del riferimento alla dichiarazione dei redditi è, infatti, ricollegato alla necessità di utilizzare un criterio oggettivo e predeterminato al fine di evitare complessi accertamenti che appesantirebbero ingiustificatamente il percorso processuale penale.

GRATUITO PATROCINIO E FUNZIONE SOCIALE DELL’AVVOCATURA

SENZA DIFESA NON VI PUO’ ESSERE GIUSTIZIA

Non esiste Giustizia senza accesso alla Difesa

No Difesa No Giustizia

Dove mi rivolgo per accedere alla giustizia?

Questa è la domanda che ogni cittadino, in qualche momento della sua vita, si pone.
Questa è la domanda che fonda la stessa esistenza dell’avvocatura, estrinsecazione naturale del diritto alla difesa.
Questa è la domanda che sempre più spesso lascia più che un dubbio all’uomo qualunque.

La storia di ciascuno di noi dice che quando ci siamo avvicinati al mondo della giustizia siamo rimasti scioccati di fronte al tasso di incertezza e all’alea che lo caratterizzano.
Lí le leggi della fisica e della logica vengono adattate a coesistere con la salvaguardia di autonomie e poteri che, all’uomo comune, non sono mai chiari.